Silvia Scozzi

Canto - Storia della Musica

Nata a Roma, dopo lo studio del pianoforte si dedica al canto con voce di soprano, diplomandosi presso il Conservatorio di Musica “A. Casella” de L’Aquila. Contemporaneamente si laurea con il massimo dei voti inLettere e Filosofia, con indirizzo musicologico e in DAMSpresso l’Università di Tor Vergata di Roma, con il Prof. Agostino Ziino. Attualmente è iscritta al Biennio di Musica Antica (Polifonia Rinascimentale) al Conservatorio “T. Schipa” di Lecce, dove studia con il M° Diego Fratelli.
Ha studiato canto con Lella Cuberli, Alessandra Ruisi Gonzaga, Michael Aspinall, Doris Andrews. Attualmente si sta perfezionando con Marinella Pennicchi. Ha inoltre seguito masterclasses di canto barocco con Jill Feldman, Rossana Bertini, Gloria Banditelli e diversi corsi di arte scenica con Italo Nunziata presso l’Accademia AIDA di Roma. Ha preso parte ai seminari di specializzazione di canto lirico con il soprano Silvana Bazzoni Bartoli, presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e seguito corsi di perfezionamento con il Maestro Alessandro Corbelli. Ha seguito corsi di liederistica con Irwin Gage.
Ha seguito corsi di canto gregoriano e ambrosiano con il M° Giacomo Baroffio.
Da sempre affianca l’attività canora a quella di ricerca, pubblicando per riviste specializzate quali la Rivista Italiana di MusicologiaPolifonie, l’etichetta discograficaMusicom di Milano, Sideral Ed., preso parte a diversi convegni organizzati dalla Società Italiana di Musicologia, ecc.
Debutta nel ruolo di Serpina ne La serva padrona di G. B. Pergolesi, nell’ambito della Stagione Concerti & Palazzi a Roma, interpretandolo inoltre per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Parco della Musica, con l’Orchestra di Santa Cecilia e costumi del Teatro di San Carlo di Napoli.
Da anni è impegnata nello studio del repertorio cameristico e nel 2007 inaugura la mostra su Francesco Siciliani, presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, accompagnata al pianoforte dalla Signora Silvia Cappellini Sinopoli. Dedica particolare attenzione al repertorio da camera eseguito su strumenti originali e da qualche anno collabora con la fortista Michela Senzacqua, alla riscoperta ed esecuzione di musiche inedite del repertorio cameristico del Sette e Ottocento.
È interprete di numerosi recitals in Italia e all’estero e per la Radio Croata ha registrato un disco di musica sacra spagnola.
Interprete del repertorio barocco, cameristico ed operistico, ha collaborato con diversi ensembles quali Le Perfidie Armoniche di Parma, con il quale ha inaugurato la mostra Gonzaga, allestita presso Palazzo Ducale di Mantova. Sostiene i ruoli di Messaggera e Proserpina neL’Orfeo di Monteverdi, diretto dal Maestro Raimundo Pereira, dell’Istituto Pontificio di Musica Sacra a Roma. È stata spesso ospite del Festival Umbro Segni Barocchi, in collaborazione con la Cattedra di Storia della Musica di Perugia. È stata ospite del Festival Mousiké a Bari, Theate Mvsica Antiqua (Chieti), Dvigrad Festival, Dvigrad (Croazia), Concerti e Palazzi (Roma), Grande Musica in Chiesa (Roma), Angeli e Note (Potenza), Concerti al Vittoriano (Roma), Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” (L’Aquila), ecc.

Silvia Scozzi